Chi siamo

Erica Caimi, trent’anni (più o meno) sul gobbo e una laurea in lingue in tasca. Milanese fuori e russa dentro, mi guadagno da vivere insegnando, per quanto sia alla perenne ricerca di qualcosa da imparare. Sono una testimone vivente della categoria “viaggiatrici distratte”e non perdo occasione di diffondere le mie disAVVENTURE nel mondo a riprova che questa condizione non determina l’estinzione della mia specie.
Segni particolari: amore per la scrittura, attrazione fatale verso i libri più snobbati, ottima attitudine alla risata, insofferenza acuta da eccessiva immaginazione. 
Principali sogni nel cassetto: incontrare la regina Elisabetta, ritornare all’epoca delle macchine da scrivere e dei walkman e per ultimo, ma non meno importante, cavalcare un unicorno arcobaleno.

Ilaria Cappelletti

Elena Esposto, trentina di nascita, lombarda di adozione. Per vivere analizzo dati, e per sopravvivere iper-analizzo la vita. Ho un dottorato di ricerca in Economia Comportamentale e Teoria dei Giochi, e divido il mio tempo tra i numeri e la letteratura. Insaziabile divoratrice di libri, poliglotta, bevitrice di birra amante dei treni e del bel tempo.

Esther Forlenza, laureata all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in Politiche per la Sicurezza con un background specifico in Sociologia. Ha approfondito lo studio di fenomeni sociali complessi, sviluppando delle ricerche sul terrorismo islamico e sugli strumenti di propaganda. Attualmente impegnata nell’ambito della sicurezza delle reti e dei sistemi informativi.   

Alessandra Frascati (Sasha), fiorentina di nascita, milanese di adozione, laureata in lingue. Sangue slavo nelle vene, apolide e montanara. Inguaribile viaggiatrice, fantasiosa, spirito allegro (non disdegno un buon vinello specie se toscano!), per buona parte della giornata vivo da qualche parte tra le nuvole. Da segnalare: il mal d’Asia, un bisogno irrefrenabile di annusare tutti i libri (specie se datati), una buona dose di pazzia ed eccentricità.

Caterina Frusteri Chiacchiera, sono nata a Messina e vivo a Bergamo, dove lavoro come insegnate e conduttrice di gruppi di teatro ed espressività. La Sicilia comunque è sempre presente nella mia mente e nel mio cuore, e le mie zie, la mia casa, il mio mare e i miei ulivi, popolano tanti miei scritti. Ho conseguito la laurea in Antropologia Culturale, percorso di studio che mi ha regalato nuovi universi. Amo la storia, la storia delle religioni, l’arte visiva, la semiotica delle immagini, la lettura di tarocchi, gli studi di genere, la poesia e teatro…
Credo fermamente nella sobrietà (non bevo alcolici e non fumo), nel lavoro su sé stessi e nell’oroscopo. Le giornate particolarmente felici sono quelle in cui, nonostante le miriadi di impegni di questa vita di corsa, riesco a ritagliarmi del tempo per scrivere, tentando di indagare la mia natura di donna e la realtà intorno a me.
Ho iniziato a comporre poesie all’età di due anni mezzo, e non ho ancora smesso…

Carla Pinna